hrcak mascot   Srce   HID

Radovi Zavoda za povijesne znanosti HAZU u Zadru, No.48 Rujan 2006.

Pregledni rad

Il papa Giovanni IV Zaratino e la missione dell’abate Martino nel 641

Stanko Josip Škunca

Puni tekst: hrvatski, pdf (142 KB) str. 187-198 preuzimanja: 1.997* citiraj
APA 6th Edition
Škunca, S.J. (2006). Papa Ivan IV. Zadranin i misija opata Martina 641. godine. Radovi Zavoda za povijesne znanosti HAZU u Zadru, (48), 187-198. Preuzeto s https://hrcak.srce.hr/11884
MLA 8th Edition
Škunca, Stanko Josip. "Papa Ivan IV. Zadranin i misija opata Martina 641. godine." Radovi Zavoda za povijesne znanosti HAZU u Zadru, vol. , br. 48, 2006, str. 187-198. https://hrcak.srce.hr/11884. Citirano 15.12.2018.
Chicago 17th Edition
Škunca, Stanko Josip. "Papa Ivan IV. Zadranin i misija opata Martina 641. godine." Radovi Zavoda za povijesne znanosti HAZU u Zadru , br. 48 (2006): 187-198. https://hrcak.srce.hr/11884
Harvard
Škunca, S.J. (2006). 'Papa Ivan IV. Zadranin i misija opata Martina 641. godine', Radovi Zavoda za povijesne znanosti HAZU u Zadru, (48), str. 187-198. Preuzeto s: https://hrcak.srce.hr/11884 (Datum pristupa: 15.12.2018.)
Vancouver
Škunca SJ. Papa Ivan IV. Zadranin i misija opata Martina 641. godine. Radovi Zavoda za povijesne znanosti HAZU u Zadru [Internet]. 2006 [pristupljeno 15.12.2018.];(48):187-198. Dostupno na: https://hrcak.srce.hr/11884
IEEE
S.J. Škunca, "Papa Ivan IV. Zadranin i misija opata Martina 641. godine", Radovi Zavoda za povijesne znanosti HAZU u Zadru, vol., br. 48, str. 187-198, 2006. [Online]. Dostupno na: https://hrcak.srce.hr/11884. [Citirano: 15.12.2018.]

Sažetak
Nonostante che papa Giovanni IV (640–642) non sia ignoto ai storici ecclesiastici, non esiste uno sguardo completo delle sua vita e opera. E noto che era Dalmata, con molta probabilità nativo di Zara. Nel ruolo del “cardinale” diacono era presente nella Curia romana durate il pontificato dell`Onorio I (625–638) e papa Severino (638–640), a chi succede con approvazione dell`imperatore Eraclio I. Nel corso del suo pontificato, che durava appena venti due mesi, si è impegnato nel combattere l`eresia di monotelismo e nel soccorrere ai suoi conazionali oppressi dagli Slavi appena arrivati in Dalmazia. A tale scopo nel 641 ha mandato in Istria e Dalmazia l`abate Martino con il danaro per riscattare i prigioneri cristiani e raccogliere le reliquie dei santi martiri, per i quali nel Laterano ha costruito un oratorio, chiamato di S. Venanzio, con i famosi mosaici con le figure dei martiri dalmati ed istriani. L`autori si è fermato sulla questione assai dibattuta, se i resti di San Domnio, il primo vescovo di Salona, e quelli di San Mauro, il primo vescovo di Parenzo, in questa occasione siano stati portati a Roma oppure si conservassero a Spalato e Parenzo come credeva la tradizione continua. La questione si risolva con il fatto che l`abate Martino non portava con se le reliquie integrali, ma solo parziali. In fine l`autore diffende l`opinione del Daniele Farlati che l`abate Martino in sequito sia eletto papa di nome Martino I (469–653), che ha mandato a Spalato Giovanni di Ravenna, il primo vescovo spalatense, per restituire la Chiesa in Dalmazia.

Hrčak ID: 11884

URI
https://hrcak.srce.hr/11884

[hrvatski] [engleski]

Posjeta: 3.589 *