hrcak mascot   Srce   HID

Pregledni rad

Inventari della Custodia dell’Istria in base al manoscritto Libro della Custodia dell’Istria (1688-1739) Archivio del convento di San Francesco di Cherso

Ljudevit Anton Maračić

Puni tekst: hrvatski, pdf (816 KB) str. 79-130 preuzimanja: 160* citiraj
APA 6th Edition
Maračić, Lj.A. (2016). Inventari Istarske kustodije prema rukopisu Libro della Custodia dell’Istria (1688. – 1739.) Arhiv samostana svetog Franje u Cresu. Vjesnik Istarskog arhiva, 23 ((2016)), 79-130. Preuzeto s https://hrcak.srce.hr/179147
MLA 8th Edition
Maračić, Ljudevit Anton. "Inventari Istarske kustodije prema rukopisu Libro della Custodia dell’Istria (1688. – 1739.) Arhiv samostana svetog Franje u Cresu." Vjesnik Istarskog arhiva, vol. 23, br. (2016), 2016, str. 79-130. https://hrcak.srce.hr/179147. Citirano 11.12.2019.
Chicago 17th Edition
Maračić, Ljudevit Anton. "Inventari Istarske kustodije prema rukopisu Libro della Custodia dell’Istria (1688. – 1739.) Arhiv samostana svetog Franje u Cresu." Vjesnik Istarskog arhiva 23, br. (2016) (2016): 79-130. https://hrcak.srce.hr/179147
Harvard
Maračić, Lj.A. (2016). 'Inventari Istarske kustodije prema rukopisu Libro della Custodia dell’Istria (1688. – 1739.) Arhiv samostana svetog Franje u Cresu', Vjesnik Istarskog arhiva, 23((2016)), str. 79-130. Preuzeto s: https://hrcak.srce.hr/179147 (Datum pristupa: 11.12.2019.)
Vancouver
Maračić LjA. Inventari Istarske kustodije prema rukopisu Libro della Custodia dell’Istria (1688. – 1739.) Arhiv samostana svetog Franje u Cresu. Vjesnik Istarskog arhiva [Internet]. 2016 [pristupljeno 11.12.2019.];23((2016)):79-130. Dostupno na: https://hrcak.srce.hr/179147
IEEE
Lj.A. Maračić, "Inventari Istarske kustodije prema rukopisu Libro della Custodia dell’Istria (1688. – 1739.) Arhiv samostana svetog Franje u Cresu", Vjesnik Istarskog arhiva, vol.23, br. (2016), str. 79-130, 2016. [Online]. Dostupno na: https://hrcak.srce.hr/179147. [Citirano: 11.12.2019.]

Sažetak
Nell’archivio del convento di San Francesco di Cherso i Francescani Conventuali custodiscono
un imponente volume rilegato di 376 pagine di grande formato (31x22 cm) dal
titolo Libro della Custodia dell’Istria; dai 22 ottobre 1688 ai 10 ottobre 1739 con pochissime
pagine vuote.
Gli autori di queste annotazioni sono i curatori della Custodia dell’Istria che nel periodo
citato, per dovere d’ufficio, ogni anno visitavano i conventi della propria custodia e insieme
al controllo della situazione confrontavano l’autenticità delle annotazioni dei conventi,
i cosiddetti inventari. Questi curatori venivano eletti per un periodo di due anni ai capitoli
o congregazioni provinciali e potevano essere rieletti solo un’altra volta consecutivamente.
Dell’importanza del ruolo del curatore testimonia un dato risalente al 1605, quando i guardiani
della Custodia dell’Istria contestarono le modalità di elezione del curatore e fecero
un accordo sull’alternanza regolare nei conventi in base alla provenienza geografica (iuxta
situm conventuum). Per questo motivo è comprensibile che l’incarico del curatore veniva
prestato da semplici frati, di cui la maggioranza non aveva un titolo accademico (come
per esempio dottore o baccalaureato) e questo spiega tanti errori e illogicità verificati nel
manoscritto.
Il manoscritto fu scritto in lingua italiana parlata dell’epoca, con tante espressioni del
dialetto veneto e tante frasi dialettali, e naturalmente, pieno di errori di ortografia e incoerenze,
soprattutto nella scrittura delle consonanti doppie (raddoppiati), che infatti la
pronuncia e la scrittura del dialetto veneto ignora oppure trascura.
Il ruolo e l’obbligo del curatore consisteva soprattutto nella visita della situazione materiale,
la verifica e il confronto con la situazione precedente e la registrazione dei cambiamenti
avvenuti. Le relazioni dei curatori in questo volume, infatti, decrivevano per lo più
inventari dei beni mobili dei singoli conventi e delle chiese conventuali. Per questo motivo
i curatori non entravano nelle questioni giuridiche, morali, economiche, amministrative e
disciplinari dei conventi registrati, che, dall’altra parte, rientrava tra gli incarichi e i compiti
delle visite del provinciale, di cui si parla nelle relazioni del provinciale che sono state
conservate e archiviate in un altro luogo.
Nelle relazioni di questo libro della Custodia dell’Istria dei Francescani Conventuali
sono state separate e particolarmente accentuate le unità tematiche: chiesa (chiesa), sacrestia
(sacrestia), dormitorio (dormitorio), libreria (libraria), biancheria (biancaria), cucina
(cucina), refettorio (refettorio), ripostiglio (caneva), dispensa (dispensa), cantina (cantina)...
Le più interessanti sono le descrizioni degli altari nelle chiese, l’elenco degli accessori
per la liturgia/messali, la descrizione e l’elenco dei libri, quadri e reliquie. Quasi ogni
curatore scriveva delle osservazioni e note accanto agli oggetti che mancavano o accanto
agli articoli di supplemento citati nell’inventario il che rende possibile la visione comparativa
e l’osservazione dell’aumento (accrescimento) e della diminuzione (diminuzione).
La maggior parte delle registrazioni dell’inventario è stata riportata nel modo in cui
i curatori lo avevano annotato, con innumerevoli errori e frequenti combinazioni delle
espressioni in latino e in italiano. Le parole e le frasi in italiano sono state scritte in corsivo
per porre in evidenza la differenza tra le annotazioni autentiche e le nostre note e spiegazioni,
mentre il numero tra parentesi rappresenta il numero di pagina nel citato manoscritto.
Nelle osservazioni sottostanti il testo riportiamo brevi dati relativi ai frati che vengono
nominati, in alcuni casi viene nominata anche la fonte. Con questo abbiamo voluto sollecitare
le ricerche successive del materiale autentico, soprattutto della raccolta che, sotto il
titolo Acta Provinciae, in una ventina di volumi, è conservata nell’Archivio della Provincia
croata di San Geronimo dei Fratri Conventuali a Zagabria.

Ključne riječi
Francescani Conventuali; Custodia dell’Istria della Provincia di San Geronimo; libro degli inventari dei beni mobili; 1688-1739

Hrčak ID: 179147

URI
https://hrcak.srce.hr/179147

[hrvatski] [engleski]

Posjeta: 262 *