Skoči na glavni sadržaj

Izvorni znanstveni članak

SULLA TRACCIA DI UNA BOTTEGA D`OREFICERIA SPALATINA DEL XIV SECOLO

Tonći Burić ; Muzej hrvatskih arheoloških spomenika u Splitu


Puni tekst: hrvatski pdf 3.896 Kb

str. 419-426

preuzimanja: 230

citiraj

Puni tekst: talijanski pdf 3.896 Kb

str. 427-427

preuzimanja: 192

citiraj


Sažetak

Gli scavi sistemati ci alla complessa e pluri stratigrafica località di Sv. Juraj od Putalja a Kaštel Sućurac presso Spalato (strati dall'età del bronzo fino al tardo medioevo) , che si sono svolti negli anni scorsi ( 1988-1994) sotto la direzione del Museo dei Monumenti Archeologici Croati , hanno riportato alla luce oltre ad altri numerosi oggetti medioevali anche cinque applicazioni in una tomba tardomedioevale del XIV sec., insieme a moneta della stessa epoca. Sono realizzate in sottile lamina bronzea, e la decorazione è eseguita con la tecnica a sbalzo. Sono decorate da motivi floreali (4) e simbolici (1), 4 risette in due varianti (a cinque petali - 3, a quattro petali - l ) e l lettera (la S capitale gotica). Sugli angoli conservati si sono visibili i buchetti per la cuccitura. Reperti analoghi sono stati finora ritrovati in due località della Dalmazia centrale: al grande cimitero medioevale intorno alla chiesa di S. Salvatore (Sv. Spas) a Cetina in una tomba senza altri reperti , e nel cimitero tardo medioevale e più tardo intorno alla chiesa eli Gospe od Sita a Strožanac presso Spalato, ugualmente senza altri reperti . Anche su di essi vi sono gli stessi moti vi di Putalj, tranne che in entrambe quelle località appare anche il motivo araldico della corona gotica tricorne, e non vi sono rosette a cinque petali. Per l' attribuzione sti li stico-cronologica sono molto importanti le rappresentazioni della lettera S e della corona tricorne , che mostrano chiare caratteristiche gotiche d'epoca angioina. Insieme ai reperti di monete nella tomba di Putalj queste rappresentazioni hanno dato una solida indicazione cronologica per la datazione eli questo gruppo di ornamenti al XIV secolo. Insieme ai noti oggeti simili ritrovati a Biskupija (Crkvina) e a Grborezi presso Livno, e insieme al gruppo eli applicazioni del fondo del Museo dei Monumenti Archeologici Croati sulle quali non si possiedono dati più particolareggiati, che presentano gli stessi caratteri stili stici di quelle di Biskupija e di Grborezi, le applicazioni che sono qui presentate si possono attribuire a orefici di Spalato ed eventualmente di Traù nel periodo angioino (X IV sec.), fermo restando che quelle di Putalj, Strožanac e Cetina per la loro es press ione stilistica si possono de finire prodotti di una bottega con sede a Spalato, e sono stati ritrovati nei cimiteri del distretto comunale e nel vicino retroterra feudale. La posizione dei reperti nella tomba di Strožanac e in quella di Cetina mostra la varietà funzionale di questi oggetti ornamentali , mentre la rappresenta zione di applicazioni simili su una mensola de l campanile della cattedrale di Spalato avverte che non si tratta del classico diadema, ma cieli' ornamento dei ricchi copricapo gotici, come affermò a suo tempo N. Jakšić. Gli atti notarili del tardo medioevo, che sono stati pubblicati sopratutto da C. Fisković, non permettono la definizione del nome dei maestri che realizzarono tali applicazioni, ma accanto alle prove materiali presentate offrono una testimonianza dello sviluppo dell' oreficeria a Spalato in quel tempo.

Ključne riječi

Hrčak ID:

111411

URI

https://hrcak.srce.hr/111411

Podaci na drugim jezicima: hrvatski

Posjeta: 908 *