Skoči na glavni sadržaj

Izvorni znanstveni članak

ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA SULLE ISOLE DEL QUARNERO, CRES, LOŠINJ, ILOVIK, ORUDA, KRK, SV. MARKO E RAB

Andre Mohorovičić ; Hrvatska akademija znanosti i umjetnosti, Zagreb


Puni tekst: hrvatski pdf 3.871 Kb

str. 123-130

preuzimanja: 655

citiraj

Puni tekst: talijanski pdf 3.871 Kb

str. 131-13

preuzimanja: 185

citiraj


Sažetak

Le isole del Quarnero, che si trovano nel golfo nordorientale del Mare Adriatico, sono chiuse dalla costa dell'Istria e da quella sottostante al Velebit. Il grado specifico di isolamento di questo gruppo insulare ha condizionato la peculiarità dell'espressione culturale. Nelle prime penetrazioni barbare in questa regione, quella dei Visigoti che attraversano il territorio liburnico e istriano (399- 401), e poi degli Unni nell'Italia settentrionale (devastazione di Aquileia nel 452), le isole del Quarnero furono risparmiate. Il breve regno di Odoacre si estese anche al territorio del Quarnero (476-489) fino alla penetrazione degli Ostrogoti. Dopo la conquista bizantina della Dalmazia, della Liburnia e dell'Italia settentrionale s' istituisce il possedimento amministrativo dell'Esarcato di Ravenna con il conseguente passaggio della Liburnia e dell'Istria per un lungo periodo sotto il potere bizantino (539-751). Le isole del Quarnero come territorio marittimo restano anche ai primi del IX sec. sotto la giurisdizione di Bisanzio. Le prime architetture paleocristiane importanti sorsero anche nell'arcipelago del Quarnero nei centri principali delle isole, Krk, Osor, Rab, e quindi anche sul territorio degli abitati minori. Nella città di Krk (Curicum) sulle rovine delle antiche terme sorge il primo oratorio, e poi anche un ampio complesso paleocristiano con basilica a tre navate d'epoca pregiustinianea. In un altro centro urbano, Fulfinum (Golfo di Sepen sotto Omišalj), si è conservata fino al tetto una monumentale basilica del V sec. con nartece, con protesi e diaconico rilevati come un transetto e con abside interpolata nel presbiterio rettangolare. Nell 'ambito della fortificazione bizantina di Korintija sulla penisola di Sokol è stato ritrovato un edificio a basilica con abside, e i resti di una chiesa sono stati ugualmente scoperti nell'ambito di un rifugio bizantino sull'isola di Sv. Marko tra la terraferma e l'isola di Krk. Nella città di Rab sono state ritrovate tre monumentali basiliche paleocristiane: la chiesa di S. Maria Grande con abside poligonale, la chiesa di S. Giovanni Evangelista con deambulatorio e mosaici pavimentali e la chiesa distrutta di S. Tommaso. Sopra il paese di Barbat vi sono le rovine di una fortezza bizantina con la chiesa di S. Cosma e Damiano. Nella città di Osor (Apsoros) sotto la chiesa cimiteriale di S. Maria vi sono due strati di edifici paleocristiani: una piccola basilica con abside semicircolare del V sec., una basilica doppia con mosaico della prima metà del VI sec. e un battistero a se stante con piscina esangolare. Nella parte centrale dell'isola di Cres in località Lovreski vi è la piccola basilica di S. Lorenzo con abside pentagonale. Ha un 'abside poligonale anche la chiesa di S. Andrea a Punta Križ a sud dell'isola. Nell'insenatura di Martinščica nella parte sud di Cres sono state ritrovate una basilica a tre navate e le rovine di un grande edificio sacro del cosiddetto tipo a croce armena. Sulle isolette di Palacol e Oruda che proteggono a sud l' ingresso al territorio acquatico del Quarnero sorgono fortezze bizantine per la tutela della via di comunicazione marittima. Al complesso fortificatorio di Palacol appartiene anche la basilica a tre navi e a tre absidi di S. Giovanni.

Ključne riječi

Hrčak ID:

114568

URI

https://hrcak.srce.hr/114568

Podaci na drugim jezicima: hrvatski

Posjeta: 1.497 *