Skoči na glavni sadržaj

Izvorni znanstveni članak

F. Müntre, R. Bošković e la colonia romana dei latinisti croati

Žarko Muljačić


Puni tekst: hrvatski pdf 3.309 Kb

str. 345-354

preuzimanja: 90

citiraj


Sažetak

L’autore pubblica numerosi dati sui rapporti intercorsi fra Frederico Münter (1761—1830), filologo danese di origine tedesca, e gli scienziati croati R. Bošković, R. Kunić e B. Stojković Stay che da decenni abitavano all’estero durante il triennio 1784—1787.
Prima di arrivare a Roma il Münter che veniva inviato in Dalmazia allo scopo di collazionarvi antichi manoscritti del Nuovo testamento caso mai vi esistessero aveva ottenuto molte informazioni su Dubrovnik da T. Basiljević, gentiluomo raguseo studente a Gottinga, S. d’Ayala, incaricato d’affari della Repubblica di Dubrovnik a Vienna e A. Fortis, celebre viaggiatore italiano. A causa di una tremenda epidemia pestilenziale che dall’estate del 1783 fino ai primi mesi del 1785 infuriava nella Bosnia occidentale e in alcune zone della Dalmazia veneta anche i traffici fra Dubrovnik e l’Italia erano quasi interrotti. Il Münter dovette perciò rimandare il suo viaggio a tempi più propizi. Aveva appreso nel frattempo che a Dubrovnik non esistevano manoscritti antichi della Bibbia ma soltanto edizioni stampate che poteva consultare anche altrove. Contro il suo viaggio in Dalmazia era anche un potente funzionario danese. Nella tarda primavera del 1785 il traffico fra le due sponde era ritornato normale ma un altro pericolo si profilò all’orizzonte: quello di un’invasione turca che costrinse il Nostro a rimandare ancora una volta la traversata dell’Adriatico. Benché il Münter non avesse mai abbandonato il desiderio di visitare Dubrovnik, città favolosa in cui s’incontravano l’Oriente e l’Occidente e dove si potevano raccogliere poesie popolari apprezzatissime in tutti i paesi civili dopo le scoperte fortisiane ,il progettato viaggio in Dalmazia del filologo danese non ebbe mai luogo. I documenti che vi si pubblicano sono importantissimi per la storia dei più antichi contatti croato-danesi. Essi ci danno inoltre parecchi dati sulla vita quotidiana dei tre scienziati croati. Infine, essi ci provano che i tre Croati, malgrado il lungo soggiorno in Italia e la parte preminente che spettava loro nella cultura e nella scienza italiana e europea, non dimenticarono mai la loro patria e non si considerarono mai Italiani né furono considerati come tali dai contemporanei di varie nazioni.

Ključne riječi

Fri­edrich Münter, Ruđer Bošković, latinisti croati

Hrčak ID:

244837

URI

https://hrcak.srce.hr/244837

Podaci na drugim jezicima: hrvatski

Posjeta: 267 *