hrcak mascot   Srce   HID

Ostalo

UNA SCONOSCIUTA MADONNA DUGENTESCA A ZARA (ZADAR)

Ivo Petricioli

Puni tekst: hrvatski, pdf (25 MB) str. 7-9 preuzimanja: 98* citiraj
APA 6th Edition
Petricioli, I. (1960). Nepoznata srednjovjekovna slika Bogorodice iz Zadarske katedrale. Peristil, 3 (1), 7-9. Preuzeto s https://hrcak.srce.hr/148510
MLA 8th Edition
Petricioli, Ivo. "Nepoznata srednjovjekovna slika Bogorodice iz Zadarske katedrale." Peristil, vol. 3, br. 1, 1960, str. 7-9. https://hrcak.srce.hr/148510. Citirano 08.04.2020.
Chicago 17th Edition
Petricioli, Ivo. "Nepoznata srednjovjekovna slika Bogorodice iz Zadarske katedrale." Peristil 3, br. 1 (1960): 7-9. https://hrcak.srce.hr/148510
Harvard
Petricioli, I. (1960). 'Nepoznata srednjovjekovna slika Bogorodice iz Zadarske katedrale', Peristil, 3(1), str. 7-9. Preuzeto s: https://hrcak.srce.hr/148510 (Datum pristupa: 08.04.2020.)
Vancouver
Petricioli I. Nepoznata srednjovjekovna slika Bogorodice iz Zadarske katedrale. Peristil [Internet]. 1960 [pristupljeno 08.04.2020.];3(1):7-9. Dostupno na: https://hrcak.srce.hr/148510
IEEE
I. Petricioli, "Nepoznata srednjovjekovna slika Bogorodice iz Zadarske katedrale", Peristil, vol.3, br. 1, str. 7-9, 1960. [Online]. Dostupno na: https://hrcak.srce.hr/148510. [Citirano: 08.04.2020.]

Sažetak
Madonna col Bambino fra le braccia. Questo dipinto fu recentemente restaurato,
L'autore pubblica per la prima volta un interessante dipinto dugentesco che rappresenta il busto della
Stava sull'altare delI'Immacolata nella cattedrale di Zara (Zadar) ed era coperto d'una lamina d'argento
fatta eseguire dalI'arcidiacono Valerio de Ponte nel 1670. Il volto della Vergine era ri đipinto in quella occasione.
Ma, levata la lamina, si trovarono ancora due strati di ridipintura ohe si estendevano su tutta I'immagine tranne
il volto del Bambino e le mani di ambeđue le figure. Ripulita tutta la r idipintura la composizione potč venir
Dall'analisi iconografica risulta che questo quadro đimostra una rara variazione del motivo di Glykofžžousa,
cioč del tipo dove il Balbino non abbraccia la Nadre, bensi con una tiene il volumen legis. La posizione delle
manž di Maria rappresentata su questo quadro č mol(o rara: f ra i q u adri ržpprodottž nel lžbro del Garržson,
I t a I i a r o m a n e s q u e p a n e I p a i n t i n g (Firenze 1949) si trovano solamente due quadri (no. 209 e 412) dove
Maria tiene il Bambino daIla stessa parte e le mani nel medesimo modo, ma il Bambino non regge il volumen legis
e ha le gambe coperte. Tre sItri quadri (no. 83, 243, 630) dove e la Madonna ed il Bambino sono nella me đesima
posizione come sul nostro quadro, la composizione č inversa, cioe sembra đi guardare il nostro quadro in uno
specchio. Pure le gambe del Bambino sono coperte. Questa originale variazione iconografica dš al nostro quadro
uno speciale pregio.
studžata.
L'analisi stilistica ha congiunto questo quadro al crocifisso dipinto nella chiesa di San Michele di Zara che
Prendendo in considerazione questo fatto e stuđianđo gli altri simili quadri di produzione italiana 1'autore
esprime la tesi che questo quadro possa essere un prodotto locale dalmata contemporaneo al crocifisso menzionato.

Hrčak ID: 148510

URI
https://hrcak.srce.hr/148510

[hrvatski]

Posjeta: 236 *