Skoči na glavni sadržaj

Izvorni znanstveni članak

L’influenza del grande freddo sugli andamenti demografici: Villa di Rovigno in Istria nel primo Settecento (1700 – 1730)

Danijela Doblanović


Puni tekst: talijanski pdf 272 Kb

str. 151-164

preuzimanja: 313

citiraj


Sažetak

Villa di Rovigno è un villaggio fondato nel Cinquecento dai “morlacchi” provenienti dalla Dalmazia. Il villaggio dista pochi chilometri dalla città di Rovigno con la quale aveva accordi riguardanti il territorio circostante. Nel periodo del quale si occupa quest’articolo la parrocchia era costituita da 500 parrocchiani che erano orientati verso l’agricoltura e l’allevamento del bestiame. Le fonti d’archivio per il periodo offrono molti dati sulle difficoltà legate al clima che spesso prendeva quasi tutto quello che l’agricoltura poteva dare. I notai di Rovigno non mancano di scrivere sulle intemperie del clima anche nei documenti dove lo storico non si aspetterebbe di trovare tali dati (protocolli notarili). Tutto questo influiva anche sugli andamenti demografici. Sono stati analizzati i libri parrocchiali della Villa di Rovigno dai quali si può vedere come il clima aveva riscontro sui comportamenti demografici. Il numero dei morti, di solito più basso di quello dei nati, nei periodi critici superava il numero dei nati. I decessi, che in tutto il periodo (1700 – 1730) erano equamente distribuiti durante l’anno, con l’eccezione di agosto e settembre, nei periodi critici erano più accentuati negli altri mesi, oltre ad agosto e settembre. Anche il numero dei nati nei periodi di crisi era più basso. Le carestie erano i periodi nei quali c’erano meno concepimenti e di conseguenza nascevano meno bambini.

Ključne riječi

Rovignese, Villa di Rovigno, clima, popolazione, demografia, Settecento

Hrčak ID:

143733

URI

https://hrcak.srce.hr/143733

Podaci na drugim jezicima: hrvatski engleski

Posjeta: 872 *