Skoči na glavni sadržaj

Stručni rad

https://doi.org/10.31727/m.25.2.1

Indicatori di base della produzione di bestiame nell’Unione europea

Tihana Kovačićek ; Zavod za agrarnu ekonomiku i ruralni razvoj, Agronomski fakultet, Sveučilište u Zagrebu, Zagreb, Hrvatska
Mateja Jež Rogelj ; Zavod za agrarnu ekonomiku i ruralni razvoj, Agronomski fakultet, Sveučilište u Zagrebu, Zagreb, Hrvatska
Magdalena Zrakić Sušac ; Zavod za agrarnu ekonomiku i ruralni razvoj, Agronomski fakultet, Sveučilište u Zagrebu, Zagreb, Hrvatska
Lari Hadelan ; Zavod za agrarnu ekonomiku i ruralni razvoj, Agronomski fakultet, Sveučilište u Zagrebu, Zagreb, Hrvatska
Ornella Mikuš ; Zavod za agrarnu ekonomiku i ruralni razvoj, Agronomski fakultet, Sveučilište u Zagrebu, Zagreb, Hrvatska
Vesna Očić ; Zavod za agrarnu ekonomiku i ruralni razvoj, Agronomski fakultet, Sveučilište u Zagrebu, Zagreb, Hrvatska


Puni tekst: hrvatski pdf 569 Kb

verzije

str. 149-160

preuzimanja: 308

citiraj


Sažetak

La produzione di bestiame, uno dei rami più importanti della produzione agricola, occupa circa il 30% della superficie totale del nostro pianeta, fornisce alla popolazione mondiale il 13% del suo fabbisogno alimentare e consuma circa la metà della produzione mondiale di cereali. Le stime riguardanti la crescita globale della popolazione umana, il suo reddito pro capite ed i cambiamenti degli stili di vita, suggeriscono un aumento della domanda di prodotti zootecnici. Nell’Unione europea (UE), la produzione agricola occupa circa il 38% della superficie totale e vi partecipano più di 10 milioni di aziende agricole, di cui il 24,5% si dedica esclusivamente alla zootecnia. La suinicoltura la fa da padrone, seguita dall’allevamento di bovini, ovini e caprini. Nel periodo dal 2015 al 2021 è stata registrata una diminuzione della popolazione di suini, bovini, ovini e caprini, il che ha comportato anche una diminuzione della produzione di carne. La produzione di carne suina ha registrato un leggero aumento dal 2012 al 2021. Nel 2021, la maggior parte della carne suina è stata prodotta in Spagna (22,1%) e Germania (21,2%). La produzione totale di carne suina ha rappresentato il 53% della produzione totale di carne a livello UE. I più importanti produttori di carne di pollame nel 2021 sono stati la Polonia (19,2%), la Francia (12,5%), la Spagna (12,3%) e la Germania (12%). Francia (20,9%), Germania (15,8%) e Italia (11%) sono in testa alla produzione di carne bovina, che ha rappresentato il 15,5% della produzione di carne in tutta l’UE nel 2021. La produzione di carne ovina e caprina chiude questa speciale graduatoria, con circa l’1% della produzione totale di carne UE, con la Spagna (28%) prima nella produzione di carne ovina e la Grecia (39,7%) prima nella produzione di carne caprina. Gli indici dei prezzi nel periodo 2015-2021 (base 2015=100) indicano un aumento dei prezzi dei prodotti dell’allevamento animale. Il valore della produzione zootecnica nel periodo 2012- 2021 è cresciuto. Nelle proiezioni dell’andamento della produzione agricola nel periodo dal 2021 al 2031, la CE prevede una diminuzione del consumo di carne pro capite, oltre che una diminuzione della produzione e dell’esportazione di animali vivi nell’allevamento bovino e suino. Il cambiamento delle preferenze dei consumatori comporterà un aumento della domanda di pollame, carne ovina e caprina e una diminuzione della domanda di carne suina e bovina.

Ključne riječi

zootecnia; allevamento bovino; allevamento avicolo; allevamento ovino; allevamento caprino; produzione; importazione; esportazione; prezzi

Hrčak ID:

300791

URI

https://hrcak.srce.hr/300791

Datum izdavanja:

14.4.2023.

Podaci na drugim jezicima: hrvatski engleski njemački španjolski

Posjeta: 665 *