Skoči na glavni sadržaj

Ostalo

Implementazione coerente del piano di monitoraggio dei residui al fine della tutela della salute dei consumatori

Mr.sc. Sanin Tanković, dr.vet.med. ; med.; Vedrana Jelušić, dr.vet.med., Ured za veterinarstvo BiH, Sarajevo, BiH;
Brankica Šekarić, dr.vet.med. ; Republička uprava za inspekcijske poslove, Istočno Sarajevo,
Nina Bilandžić, dipl.ing.biotehnol. ; Laboratorij za određivanje rezidua, Hrvatski veterinarski institut, Zagreb, Hrvatska;
prof.dr. Muhamed Smajlović ; Veterinarski fakultet Univerziteta u Sarajevu, Sarajevo, BiH


Puni tekst: hrvatski pdf 1.379 Kb

str. 416-422

preuzimanja: 632

citiraj

Puni tekst: engleski pdf 2.360 Kb

str. 441-446

preuzimanja: 273

citiraj


Sažetak

Al fine di tutelare la salute dei consumatori e di creare le premesse per il commercio di animali vivi e di prodotti d’origine animale non
solo nell’Unione europea, ma anche in ogni altro paese terzo interessato al commercio di questo genere di prodotto con l’Unione
europea, è stato sancito l’obbligo di legge che impone il monitoraggio ed il controllo dei residui. I residui sono sostanze farmacologicamente
attive che possono depositarsi negli animali vivi e nei prodotti d’origine animale e dei quali si dubita (o si ha la certezza) che
possano minacciare la salute dell’organismo umano. Attraverso l’implementazione del piano di monitoraggio sistematico dei residui
si scopre l’eventuale presenza di sostanze vietate o la presenza di determinate sostanze che superano i limiti ammessi negli animali
vivi e nei prodotti d’origine animale. Dopo aver individuato la presenza dei residui nei campioni sottoposti ad analisi di laboratorio,
gli organi ispettivi competenti hanno il dovere di adottare tutte le misure necessarie (il cosiddetto “follow up”) finalizzate ad accertare
le cause della presenza e l’origine delle sostanze vietate, ossia le cause che hanno portato alla presenza di tali sostanze in quantità
che superano i limiti consentiti nei prodotti d’origine animale destinati all’alimentazione umana. Nel nostro esempio descriveremo la
procedura di “follow up” adottata dopo l’accertamento della presenza di coccidiostatici nelle uova di gallina in un’azienda avicola.

Ključne riječi

residui, follow up, coccidiostatici

Hrčak ID:

132400

URI

https://hrcak.srce.hr/132400

Podaci na drugim jezicima: španjolski hrvatski engleski njemački

Posjeta: 1.613 *